Samsung Galaxy S9 avrà il lettore d’impronte sotto il display?

[vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”Samsung Galaxy S9 avrà il lettore d’impronte sotto il display?” font_container=”tag:h1|text_align:left”][vc_single_image image=”2725″ img_size=”full” alignment=”center”][vc_column_text]Si avvicina la data di presentazione di Samsung Galaxy S9, ossia il 25 febbraio 2018 al Mobile World Congress di Barcellona, ed è inutile dire che i rumors, riguardo a caratteristiche tecniche, prezzo e commercializzazione, sono già iniziati da tempo.

La casa sudcoreana sarà la prima ad aprire le danze quest’anno con l’attesissimo Samsung Galaxy S9 e dopo il “Flop” di Apple con iPhone X, sarà ancora più facile battere la famigerata antagonista californiana a colpi di novità.

Le indiscrezioni parlano di un lettore d’impronte digitali posizionato sul display, nella parte frontale del cellulare e non invece nel retro della scocca, dove invece è posizionato sui flagship di quest’anno, per quanto riguarda S8, S8+ e Note 8. Sarebbe un enorme passo avanti, che condurrebbe Samsung sul direttamente sul podio, al primo posto, rispetto ai colossi Huawei e Apple.

Il rilevatore d’impronte è stato un vero e proprio problema nel 2017, è stato messo posteriormente su molti smartphone, su altri è stato addirittura eliminato, come ad esempio su iPhone X, è arrivato il Riconoscimento Facciale, ma in tutti i casi, un vero e proprio sistema di sblocco efficace non è stato ancora implementato.

A battere tutti, inaspettatamente, è stata l’azienza Synaptic, portando al CES 2018 il tanto atteso lettore d’impronte sotto il display, che l’ha messo a punto su un primo prototipo realizzato con il produttore cinese Vivo. Il lettore d’impronte in questione, permette di sbloccare in un attimo il telefono, senza la necessità che ci sia un hardware sulla scocca o un lettore sulla parte posteriore.

E’ stato preannunciato l’arrivo di questa tecnologia sul mercato verso la metà del 2018, ovviamente non sono stati detti i partner, oltre a Vivo con cui Synaptic sta lavorando.Il prototipo di Vivo è uno smartphone dallo spessore abbastanza contenuto, per cui questa tecnologia non va a impedire ai produttori di rendere interessanti e piacevoli i design dei propri smartphone.

Non è detto quindi che Samsung, con Samsung Galaxy S9, possa introdurre la rivoluzione annunciata da Synaptics. Infatti, qualora si stesse parlando del primo semestre 2018, il futuro Galaxy S9 diventerebbe uno dei candidati ideali.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *